Corso accreditato BUONA SCUOLA, condotto da Chiara Ruini, Marta Scrignaro e Elisa Albieri

Spesso l’altro che incontriamo nelle relazioni di aiuto vive un ripiegamento su se stesso e vive una percezione di mancanza di possibilità, di stagnazione, di un crollo del motivo tematico, della trama narrativa della propria biografia. Nell’infanzia e nella preadolescenza può tradursi in difficoltà di apprendimento, in comportamenti definiti devianti o antisociali; nell’età adulta può manifestarsi come stress, perdita di energia, difficoltà relazionali e nell’anziano, spesso si trasforma in una percezione di inutilità del proprio esserci e di un conseguente ‘lasciarsi andare’.

Il saper pro-muovere narr-azioni autobiografiche favorisce nell’altro il ritorno ad una condizione di ben-essere. L’atto narrativo produce, infatti, una nuova attenzione a sé che si radica nei sensi, nella presenza a sé e al mondo, in cui il fuori e il corporeo sono altrettanto necessari del dentro e del mentale.

Raccontarsi, dunque, non significa semplicemente ripercorrere il passato, bensì risignificarlo nel presente, in questo senso la narrazione è ricreativa, ossia dimostra che l’esistenza non è mai un “dover essere così e basta”, ma un “poter sempre divenire anche qualcos’altro” (Frankl 2001, p.63).

Alla luce di queste premesse il corso descriverà l’utilizzo di molteplici tecniche narrative efficaci nel lavoro in contesti educativi e clinici.

Obiettivi formativi

  • Acquisire conoscenze e competenze relativamente ad alcune specifiche metodologie autobiografiche di promozione del benessere
  • Incrementare la motivazione a esplorare nuove metodologie narrative per favorire nella relazione di aiuto esperienze di benessere
  • Acquisire conoscenze relative alla visione della relazione di aiuto come relazione narrativamente orientata e riflettere su come questa possa concretizzarsi nella propria esperienza professionale come insegnante, educatore, psicologo, etc.
  • Aumentare la consapevolezza del proprio atteggiamento rispetto al proprio ben-essere.

Contenuti

  • Inquadramento teorico-metodologico sulle molteplici tecniche narrative
  • Storytelling, fiabe tradizionali, identità narrativa
  • Applicazioni nella scuola e nella relazione di aiuto (psicoterapia, counselling, psicopedagogia)
  • Applicazioni per la psicologia positiva (benessere, crescita personale, resilienza).

Destinatari

Psicologi, psicoterapeuti, pedagogisti, specializzandi, psicopedagogisti, insegnanti, tecnici della riabilitazione

Tempi

3 seminari, ciascuno focalizzato su una specifica fase del ciclo di vita: infanzia, adolescenza-giovani adulti ed adulti.

È possibile iscriversi al singolo seminario o all’intero pacchetto formativo (tariffa scontata).

Ciascun seminario si svolge in una giornata e mezza di formazione (13 ore)

Metodologia

Laboratori esperienziali, cui seguirà una condivisione e un ascolto cognitivo-esperienziale di gruppo e una sistematizzazione teorico-metodologica di quanto vissuto (approccio maieutico). Sono previste, inoltre, discussioni di casi clinici e simulazioni cliniche.